SOCIETÀ BIBLIOTECHE DIGITALI BIBLIOTECA ATTIVITÀ DI RICERCA ATTIVITÀ EDITORIALE LINK UTILI « Home «
 
Eventi Futuri
Eventi Passati
Iscriviti e sostieni
Biblioteche digitali
HOME Digital Library   Biblioteche digitali
 
Quaderni della Società Ligure di Storia Patria, 7/***, Genova, Società Ligure di Storia Patria, 2019
C. Tristano
I percorsi della spiritualità sui fogli di un libro: il Salterio di san Romualdo a Camaldoli
Il codice, considerato una reliquia romualdiana dalla spiritualità camaldolese e giuntoci frammentario, conserva un Salterio, redatto in onciale in gran parte rubricata, con commento in inchiostro nero scritto in minuscola carolina. Il volume è stato variamene attribuito all’area germanica, alla Svizzera o all’Italia settentrionale e alla seconda metà/fine del IX secolo. L’analisi paleografica e la contestualizzazione storica qui avanzata propongono, invece, che il manoscritto sia stato prodotto nei primi trent’anni del IX secolo, nel nord-est della Francia, presso il monastero di Saint Amand, il cui scriptorium, a partire dalla seconda metà dell’VIII secolo, si caratterizza per la produzione di volumi di pregio e di testi biblici commentati. La notevole alternanza di mani, di cui alcune incerte o poco esperte, la particolarissima disposizione del commento scritto a cavallo del testo biblico di riferimento, la mancanza di uniformità testuale e compositiva del prodotto finale, supportano l’ipotesi che si tratti di un iniziale esperimento di allestire un volume che riunisca in un’unica pagina il testo sacro e il commento biblico, la nuova forma letteraria elaborata negli ultimi 50 anni tra la Schola palatina e i centri culturali tra la Mosella e l’alta renania. Una volta rigettata l’ardita mise en page, il codice probabilmente è divenuto una sorta di palestra grafica.
Parole chiave: Salterio di s. Romualdo, paleografia, libri glossati, IX secolo, scriptorium di S. Amand.
The manuscript of Camaldoli [s.n.], considered a relic of St. Romualdus, contains the Psalms with glosses, written in both uncialis scriptura (the biblical text) and early caroline minuscule (the commentary). This manuscript has been dated to the second half /end of the IXth century and attributed to multiple graphic areas, as North Italy, Switzerland, Germany, French Kingdom. Based on evaluation of the textual tradition and the palaeographical evidence, we can suppose that it was a first attempt to produce a book containing both the biblical text and its commentary. The Camaldoli book is datable on the early 30 years of the IXth century, it’s probably written in the north-east of French Kingdom, perhaps in the scriptorium of the St. Amand monastery, a center of high studies in liturgical exegesis, close to both Schola Palatina and the german episcopal schools engaged in biblical exegesis, as Magonza or Fulda.
Keywords: St. Romualdus’ Psalter, Palaeography, Glossed books, IXth Century, scriptorium of St. Amand.

Scarica il PDF

 
Come raggiungerci »
Orari di apertura »
Palazzo Ducale
piazza Giacomo Matteotti, 5
16123 GENOVA
 
casella postale 1831
16100 GENOVA CENTRO
@: storiapatria.genova@libero.it
R: redazione.slsp@yahoo.it
T: +39 010 0010470
C.F. 00674220108
IBAN: IT33 C05034 01424 0000000 10831
C.C. Postale: 14744163
www.storiapatriagenova.it
Mappa del sito »
~ Società Ligure di Storia Patria ~
Informativa sull'uso dei cookie